martedì 1 aprile 2014

A quale frequenza cardiaca correre le gare di 5, 10, 21 e 42 km?

Per diversi motivi - sostanzialmente per il gps da polso in panne, ma non solo, sto correndo indossando il cardiofrequenzimetro e sto cercando di utilizzare le pulsazioni come riferimento non solo per la corsa lenta aerobica, ma anche in gara. La regolazione del sensore da scarpa è meno agevole del previsto e quindi l'unico parametro certo di cui dispongo al momento è quello della frequenza cardiaca.
Gìà, ma come regolarmi in gara?
Come sempre una corretta ricerca su internet dà buoni frutti.
Ho trovato un preziosissimo riferimento di Orlando Pizzolato, noto podista a livello internazionale (ha vinto 2 maratone di New York) e seguitissimo allenatore.
(di Pizzolato ho anche pubblicato un paio di tabelle link e link)

Sul suo forum trovo questi riferimenti:

" Per le gare di mezzofondo (3-5km) si corre ad un livello di pulsazioni inferiori di 3-5 battiti rispetto alla FC massima.
Nelle gare di 10km si tiene mediamente una FC di 6-8 battiti inferiori alla FC massima.
Nella mezza maratona le pulsazioni medie sono inferiori alla massima di 10-12 battiti al minuto.
La maratona si corre invece a 15 battiti in meno rispetto al valore della FC massima."


Certo, queste sono indicazioni di massima, infatti Pizzolato premette: "potrebbero non corrispondere a quelli reali, che richiedono invece una deduzione logica e corrispondente a dei valori fisiologici specifici e soggettivi, desunti da test di corsa nei quali si mette in corretta relazione velocità e frequenza cardiaca", ma sono un utilissimo riferimento.

Nel mio caso, dando per corretto il riferimento di 168bpm come frequenza massima misurata in pista,
uscirebbero questi riferimenti:
Gara da 10km    160/162 bpm
Gara da 21km    156/158 bpm
Gara da 42km    153 bpm
Essendo prudente e con un efficienza non da top runner penso che sottrarrò ancora almeno 2/3 bpm, arrivando rispettivamente a 159, 154/155, 150/151 bpm. Da verificare in futuro.

Nella recente gara di mezza maratona, corsa non al 100% delle mie potenzialità (è un'analisi che faccio a freddo, di cui non ho però per il momento riprova) avevo una frequenza cardiaca media di 152bpm. Penso di poter "rischiare" un'andatura a 154/155.
Nella 10km di questa settimana proverò a stare sui 159bpm
*Aggiornamento: ho fatto i primi 5km a 161bpm, guardando solo il crono e non considerando i battiti. Col risultato che al 5° sono andato in crisi e ho dovuto rallentare (a 157bmp): ho chiuso con un tempo alto. Probabilmente i 159 erano più giusti
*Aggiornamento: ho corso una mezza maratona a una media di 153bpm, ottenendo il pb. Penso che allenandomi davvero bene e solo su questa distanza potrei provare i 154bpm.
Mi sembrano confermati i numeri di Pizzolato sottratti di un altro paio di battiti

N.B. Orlando Pizzolato ha anche parlato ("Correre secondo Orlando Pizzolato) di 94% della frequenza di soglia anaerobica come frequenza alla quale poter correre una maratona. nel mio caso: 158/159 * 0,94 = 148/150bpm

2 commenti:

Massimiliano Ferrero ha detto...

Ho corso in allenamento 10km in 49 minuti con 90 kg di peso e poco allenamento e ho 49 anni...a 160-170 bpm..penso di essermi sforzato troppo non ho idea. Cosa rischio?

Giorgio ha detto...

Cosa rischi?? Di divertirti di piú la prossima volta!

Posta un commento

Note al volo

27.01.17 4x1000 rec 2'15'' 4'47''
04.01.17 medio 5'26''
strada/tapis= x^1,07
Factor foot pod: 101.3%-0.979